Hai più avuto notizie da quella presa per i fondelli chiamata “ricerca scientifica”?

rat-1540844_1920

 

Io no, e tu?

 

Sfortunatamente, gran parte della gente crede ancora che chi è al potere si preoccupi di fornire il meglio per la nostra salute, e che se una malattia non è curabile, il motivo è unicamente dovuto alla mancata scoperta della cura.

 

Così buona parte di queste persone pendono dalle labbra di certi personaggi e danno loro dei soldi per quella missione chiamata “ricerca”.

 

Ci tengo a specificare che per individui “al potere” non intendo i governanti. Ma sto parlando di chi si occupa della Sanità mondiale, a cui quella italiana deve solo ubbidire. Anche se in realtà la nostra Sanità lo fa senza troppa fatica, dato che è un buon modo per garantirsi a vita una posizione privilegiata.

 

Chi controlla il mondo della medicina controlla tutto, inclusi i governi, l’istruzione, e il mercato alimentare.

 

A fronte di centinaia di miliardi di dollari e di euro che una manifestazione come Telethon (fra le altre) rastrella dalle nostre tasche, quali risultati ottiene?

 

Su richiesta, queste persone ci potrebbero mostrare migliaia di studi che testimonierebbero mirabolanti scoperte. Ma in termini di utilità pratica?

 

IL NULLA.

 

Eppure stiamo parlando di secoli di ricerca e di migliaia di miliardi di dollari impiegati.

 

Peccato che non si tiene conto che moltissime malattie degenerative potrebbero essere prevenute, e che nel caso si manifestassero potrebbero essere CURATE.

 

Proprio così.

 

Qual è il problema? Chi realmente studia per curarci non lo fa nell’interesse dell’industria chimico-farmaceutica, basti pensare che una semplice molecola come la melatonina potrebbe da sola distruggere lo 80% del mercato del farmaco mondiale.

 

Eppure per sapere questo non sono serviti milioni di dollari, ma milioni di dollari sono invece necessari ogni giorno per scoprire un bel nulla NEGLI STESSI CAMPI dove le scoperte sono già avvenute.

 

Solo l’essere umano ce la poteva fare a ottenere una cosa del genere.

 

Altro esempio?

 

È normale che dopo il comunicato OMS del 2015 sulla cancerogenicità della carne, vengano regalati 20 milioni di euro agli allevatori italiani?

 

20 anni di ricerche e 800 studi su 50 paesi che provano che la carne conservata è da inserire nel gruppo 1, quello dei fattori considerati “sicuramente cancerogeni”.

 

In tutta riposta lo Stato non confronta nessun altro studio è liquida il tutto con un “Non è vero niente”.

 

Questa sì che è scienza.

 

Uguale alla scienza che hanno sempre usato, quella che con prepotenza avvallava l’assenza di studi seri che provassero il modo definitivo l’effetto carne-cancro.

 

In realtà di prove ce n’erano già abbastanza anche prima, e le prove delle malattie extra-tumorali provocate (cardiopatia, sindrome metabolica, etc.) sono ancora più numerose di quelle tumorali.

 

Eppure niente.

 

Ovviamente nessuno ci vuole convincere che la carne è sicura solo per farci ammalare di tumore.

 

Il punto è che si tratta di difendere un mercato che solo in Italia fattura 10 miliardi (DIECI MILIARDI) di euro all’anno, che a quanto pare è molto più importante della salute di 7 miliardi di consumatori.

 

È TUTTO QUI.

 

Non ci sono segreti, è tutto bello bello alla luce del sole. Infatti l’hanno scritto chiaramente nei loro stessi comunicati (Confagricoltura 2015) in risposta a quello OMS.

 

Ma la gente continua inutilmente ad ammalarsi, e a dare soldi a chi con quei fondi ringrazia dalle isole tropicali, visto che tolti gli stipendi a chi in laboratorio non ci entra nemmeno, tolti i colossali costi di marketing e di pubblicità, ciò che resta delle tue donazioni viene destinato agli stipendi dei giovani ricercatori assunti a tempo determinato e sottopagati, i quali hanno il compito di sperimentare qualsiasi cosa sugli animali causando loro quelle malattie che si vorrebbero INUTILMENTE curare.

 

Per poi sospendere la ricerca una volta finiti i fondi destinati a questo scopo, senza aver concluso nulla, perché per molti questo è “solo un lavoro”, e l’unico problema è quello di ritornare disoccupati quando i soldi finiscono.

 

Ma a prescindere da questa “ricerca” molte delle malattie potrebbero non esistere nemmeno più, o potrebbero già essere curabili.

 

E MOLTE DI QUESTE LO SONO.

 

Come sempre la soluzione deve partire dal basso. Deve partire dal singolo, perché siamo noi ad avere in mano il vero potere per cambiare il mercato (e il MONDO).

 

Sempre se smettiamo di credere a tutto quello che ci raccontano, perché quando si tratta di farcelo mettere nel culo siamo i campioni del mondo.

 

E non una volta ogni 24 anni come la nazionale di calcio.

 

Ma TUTTI I GIORNI.

 

Cosa fare? Smettila di regalare soldi a queste mega-associazioni di finta ricerca, e se proprio vuoi dare il tuo contributo occupati delle piccole associazioni che si preoccupano realmente di ridare al mondo l’equilibrio perso. Loro sì che hanno bisogno di te, perché da sole non ce la fanno.

 

La cosa difficile è riuscire a capire chi sono queste associazioni, ma per saperlo devi svolgere una tua ricerca personale.

 

Perché non devi credere a me, ma devi cercare. Devi dimostrarti ricettivo all’apprendimento e al cambiamento. Devi pian piano avvicinarti a una verità il più possibile sincera e sana.

 

E quando l’hai trovata, mettici tutto te stesso e non farti più fermare da nessuno.

 

 

Please follow and like us:
0

Commenti

commenti

Gianfranco Longo Autore

Sono un blogger, mi occupo di educazione alimentare e motoria grazie a formazione e aggiornamento continui come Educatore Alimentare e Personal Trainer. Fra le altre fonti di apprendimento, attraverso l'istruzione libera offerta dalle università (MOOC), costantemente aggiungo conoscenze in ambito di patologia generale relative alla Psico-Neuro-Endocrinoimmunologia (PNEI), scienza dell’equilibrio dei meccanismi organici che riguardano principalmente il sistema endocrino e quello microbico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *